18 dic 2013

TACCIDO

“I t’accido , i t’accido”
(E stringendo la rivoltella… ma quanto grande è una rivoltella in mano? e con quei guanti neri di finta pelle non l’agguantava bene, le sarebbe caduta, altro che)

“I t’accido ! -continuava la battuta- (ma il posticcio cominciava a calarle, stava scivolando, la forcina non teneva, le sarebbero finiti i capelli sugli occhi proprio al momento più bello)
Li sentiva anzi non li sentiva, stavano muti sulle loro poltrone e non scartavano neanche una caramella, neanche un segno di disattenzione, o il solito colpetto di tosse…
La luce le sparava in faccia e un rivolino di sudore cominciava a scorrere acido da sotto il toupet in bilico

“Io t’accido”
e qui doveva sparare, calarsi la mano sugli occhi come a dire “l’ho acciso overamente” e poi svenire in scena aspettando l’applauso e le grida del pubblico (“ebbrava! Ebbrava! ha ucciso ‘o malamente…” “s’ammeritato a fine ch’ha avuto” “issa l’ha vinnicato”)

attimi che sembrano eterni

e ci mancava pure il black out

ecco di colpo tutto diventa nero
nero assoluto
non riesce manco a vedere se ‘o malamente sta davanti a lei o si è spostato;
nero e silenzio
(marò)
poi ecco una lucina dalla quinta (quel bravo ragazzo assistente scenografo per fortuna ha pensato di usare un accendino)
Vede la sagoma d’o malamente che è rimasto fermo nella sua posizione
(Uh chi bellu presèbbio facimmo: io c’ha pistola, isso fermo che se fa sparare e fra poco u’ toupè che mi s’acchiana in faccia)
Presto presto, occorre trovare qualcosa ca gggià si sente ch’aggente sta a rrivultarse in ngìmma alle putrune…
S’accende nu faretto dietro; aggente ora vede solo le loro due sagome nere.

Ecccccaaaa!
(eccu ‘u prime colp’e tussa ca vuo ddi ca se stannu spacenzienno…Tra poco iniziano a scartare i’ caramelle e a cecculatielle cca o Natale è vvicino e si sono cumprate tutte e dulcette c’a scusa di accattalle pe li piccirilli.  Quanno stave o Trianon altro ch’a scartare cecculatielle, stavano firme e mutu comme alle statue di sale …)
Attimi che sembrano non passare mai.
“I t’accido”, sussurra lei sempre più piano, come fosse una nenia “ I t’accido i t’accido i t’accido” continua in dissolvenza.
O’ malamente - finalmente quella testa e crapa tiene ‘na penzata – cade in ginocchio, comm’a ddi “perdunu”
“Io t’acci.. , io…”
E fa cascare o revolvér, eppure issa se mette inginocchio comm’a rissppunnere “tu si o’ malamente, ma ti perdunu”
S’avvicina chiano chiano, chiano chiano, fino a che arriva ad abbracciarlo e gli sussurra all’orecchio “ Si na carogna, cun te non ci lavoro chhiu in sti teatri emmerda, si no t’accido…”
“Aggiu prenotato da Mirella ca ci tiene in caldo le pizzelle fritte culle alici”
risponde lui a mezza bocca

Mentre il pubblico applaude a quella strana pietà e chiagne chiagne forte perché o malamente s’ha pentito e lei gli vuole bbene assai assai assai e ccummincia a scartare caramelle e cecculatielli ppe cunsularse
e quanto è bello chiagnere!


eds nero di donna Camèl

insieme a

Hombre con Ti prego, non chiamarmi Barbie
Dario con Zebre e savane
Leuconoe con Placida come il fiume
Pendolante con Natale con soffritto
Kermitilrospo con Pedalata nera
Fulvia con Il quadro capovolto – 2a parte
Lillina con Una vita segnata
Calikanto con Nero livido
La Donna Camèl con Se tu mi amassi
Singlemama con Dissolvenza in nero
Melusina con Laggiù nel Bronx






4 commenti:

  1. Bella l'idea del teatro.originale

    RispondiElimina
  2. Ma che bello bellerrimo! Sono ufficialmente una tua grande fan!
    Poi la citazione finale da Matrimonio all'italiana... !!!

    RispondiElimina

sicuro sicuro che vuoi commentare?